S. Antonio Abate, una festa di paese

Stampa
Sabato 17 gennaio ritorna una delle tradizioni più antiche del territorio

Festa di S.AntonioLe associazioni dei "Mulattieri", dei "Carrettieri" e dei "Bovari" con il patrocinio del Comune di Palestrina - Assessorato al Turismo - organizzano la Festa di "S.Antonio Abate", tradizionale appuntamento molto sentito da tutta la popolazione prenestina.
Il 17 Gennaio di ogni anno tutto il paese è pervaso da un'euforia contagiosa, che fin dalle prime ore del mattino coinvolge tutta la cittadinanza. È una tradizione che le tre associazioni storiche mantengono viva nel tempo organizzando sfilate folkloristiche che attraversano per tutto il giorno la città. È un passato che ritorna, attraverso il quale le associazioni possono rivivere le magiche atmosfere del lavoro dei propri antenati.
Un passato in cui i mulattieri avevano il compito di trasportare merci di varia natura servendosi di muli che permettevano l'accesso anche a località difficilmente raggiungibili.
I carrettieri erano invece coloro che con l'ausilio dei carri, trainati da animali, trasportavano principalmente derrate alimentari verso Roma.
Infine, i Bovari erano e sono ancora oggi gli allevatori di bestiame.
La festa, tra sacro e profano, si conclude con la benedizione degli animali e degli automezzi, il momento solenne della giornata atteso da tutti con grande entusiasmo.
Entusiasta si dice il sindaco di Palestrina Rodolfo Lena che ha riferito: "E' uno spettacolo grandioso vedere sfilare personaggi storici del nostro paese. Un'occasione per riscoprire una tradizione che ci appartiene, in cui riversiamo ogni anno tutto il nostro orgoglio di essere palestrinesi".