Comunicato ufficiale

Stampa

dsc 3470Questa mattina alle ore 5, in corso Pierluigi a Palestrina, è crollato l'edificio di due piani che, con ordinanza del sindaco Adolfo De Angelis, era stato evacuato domenica scorsa.
Già nello scorso giugno, l'edificio era stato oggetto di un sopralluogo da parte dei tecnici comunali che, insieme all'ingegnere incaricato dalla proprietà, avevano rilevato problemi relativi alla staticità dell'immobile.

Il 26 giugno scorso, in particolare, l'ingegnere della proprietà aveva comunicato ufficialmente al Comune di aver predisposto che dal 30 giugno sarebbero iniziati i lavori per la messa in sicurezza dell'edificio.Domenica scorsa, purtroppo, l'unico inquilino rimasto nella casa aveva chiesto nuovamente l'intervento dell'Amministrazione. Alle 14.30 veniva effettuato un sopralluogo dal sindaco, Adolfo De Angelis, e dal vice sindaco, Manuel Magliocchetti, congiuntamente ai Vigili del fuoco che, con un fonogramma ufficiale, chiedevano l'evacuazione dell'immobile. Senza attendere il lunedì, la sera stessa di domenica il sindaco De Angelis ha firmato l'ordinanza n.228 con la quale ha disposto lo sgombero immediato dei locali imponendo ai proprietari di ripristinare le condizioni di sicurezza della palazzina, puntellando prontamente i muri laterali e realizzando idonee protezioni contro le cadute accidentali di materiali dall'alto a tutela di auto e pedoni.

 

Per maggior sicurezza, nella giornata di ieri l'ingegnere incaricato dal Comune aveva avviato l'iter per realizzare subito due tunnel di protezione, in corso Pierluigi e vicolo del Duomo, per preservare i passanti da eventuali crolli e predisporre la chiusura della strada al transito dei veicoli.
"La situazione è precipitata in pochissime ore – commenta il sindaco De Angelis – ma, al di là del danno materiale, ci rasserena il fatto che non si siano verificati danni fisici all'incolumità delle persone".
Il sindaco, insieme a diversi esponenti dell'Amministrazione comunale, sono dall'alba di oggi sul posto ad assistere alle operazioni di soccorso e sgombero e a coordinare i volontari dei gruppi locali della Protezione civile e della Croce rossa che, oltre a dare man forte alle operazioni di sgombero precauzionale nelle abitazioni limitrofe all'area del crollo, hanno predisposto un campo di accoglienza sia al Palaiaia che presso l'Hotel Stella.