Comune di Palestrina

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

F.A.Q.

E-mail Stampa PDF

Domande più frequenti sulla raccolta differenziata porta a porta

1. Quali sono le responsabilità del cittadino in quanto produttore di rifiuti?
2. Quando inizia il servizio porta a porta?
3. Il cittadino è obbligato ad accettare i bidoncini per la differenziata domiciliare?
4. Che cosa comporta l’assegnazione dei bidoncini dedicati?
5. Dove devono essere custoditi i bidoncini carrellati?
6. Quali responsabilità per danni sono collegate alla custodia dei contenitori per la raccolta differenziata domiciliare?
7. Se i contenitori si deteriorano per effetto dell’uso, il cittadino può essere chiamato a corrispondere risarcimenti o indennizzi?
8. Se i contenitori vengono persi o sottratti da ignoti?
9. E se ho problemi, a chi posso rivolgermi?
10. Il ritiro del Kit, dei bidoncini carrellati è gratuito?
11. Perché devo firmare i moduli che mi vengono presentati durante la consegna dei materiali?
12. Non ero in casa quando hanno consegnato le dotazioni nella mia via o nel mio condominio. Cosa devo fare?
13. Posso ritirarlo per mia sorella/amica che abita sotto?
14. Posso ritirarlo per mio zio che abita nell’altra via?
15. Ho cambiato residenza da poco. Dove posso registrarmi e ritirare la dotazione?
16. Posso rifiutarmi di fare la raccolta differenziata porta a porta?
17. Si pagherà di più?
18. Non sarebbe meglio aumentarne il numero delle campane stradali?
19. I cassonetti stradali che fine fanno?
20. Chi espone i bidoncini carrellati sul piano stradale?
21. Ci saranno cattivi odori in cortile?
22. Laddove presenti, le chiavi delle serrature dei locali immondizie possono essere consegnate agli addetti?
23. Cosa fare nel caso in cui un turno di ritiro dei bidoncini salti?
24. Ci saranno le multe per chi non fa bene la raccolta?
25. Devo pagare o dare la mancia?
26. Cosa bisogna fare se si rompe la pattumiera sottolavello, il mastello o i bidoncini carrellati?
27. Come si usano i sacchi biodegradabili che mi avete consegnato?
28. Rischio, quindi, di riempirmi la casa di immondizia?
29. Devo usare tutti i giorni i sacchi biodegradabili e la pattumiera sottolavello?
30. Posso usare il sacco di plastica per gettare gli scarti della cucina nella pattumiera?
31. Dove devo gettare le potature delle piante d’appartamento e del balcone?
32. Ho un piccolo giardino: come posso smaltire gli sfalci e le potature?
33. Cosa devo fare per gettare via i rifiuti ingombranti (es. mobili ed elettrodomestici)?
34. Dove devono essere esposti i bidoncini nel giorno di raccolta?
35. Cosa succede se nel giorno previsto per la raccolta, non sono in casa?
36. Cosa succede se sbaglio giorno nell’esposizione del bidone?
37. I cassonetti stradali saranno quindi rimossi da un giorno all'altro?
38. Cosa succede in caso di errato conferimento (errori nell’uso dei bidoncini, inserimento di materiali sbagliati)?
39. Posso buttare via tutto con questo nuovo servizio?
40. Dove vanno gettati i piatti, bicchieri e posate di carta e di plastica?
41. Dove vanno gettati gli oggetti di plastica che non sono imballaggi?
42. E’ necessario lavare i contenitori di plastica e metallo prima di inserirli nel sacco?
43. Devo staccare le etichette dai contenitori?
44. Come evitare che gli animali randagi danneggino sacchi e bidoncini durante il periodo di
esposizione?
45. Dove vanno messi fazzoletti, tovaglioli di carta e carta assorbente da cucina?
46. Ho un bambino piccolo e non è possibile tenere in casa i pannolini per giorni. Come posso fare?
47. Facevo già la raccolta differenziata e non avevo problemi. Perché siamo stati obbligati a passare a questo nuovo sistema?
48. E' vero che devo lavare le lattine del pomodoro?
49. E' possibile aumentare la frequenza per il ritiro dei rifiuti?
50. Dove vanno le lampadine?

1. Quali sono le responsabilità del cittadino in quanto produttore di rifiuti?
L’utente è individuato dalla Legge come produttore dei rifiuti (articolo 183, comma 1, lettera b, del D. Lgs. 152/2006). L’utente è considerato proprietario e responsabile dei rifiuti sino al momento della loro esposizione finalizzata alla raccolta. In quanto tale, la Legge gli riconosce l’onere della custodia temporanea presso l’abitazione o aree private esterne idonee.
La possibilità di depositare temporaneamente i rifiuti su aree private soggette a uso pubblico è riservata alle sole ipotesi in cui lo spazio privato dell’utenza produttrice risulti inesistente o non adatto e tale requisito sia accertato dal Comune o dall’azienda di servizio.
2. Quando inizia il servizio porta a porta?
Il servizio inizia il 25 Marzo 2011 (1^ fase) in una zona che comprende le vie indicate nell’ elenco riportato sulla lettera inviata ai cittadini.
3. Il cittadino è obbligato ad accettare i bidoncini per la differenziata domiciliare?
Sì, in base alla specifica ordinanza del Sindaco.
4. Che cosa comporta l’assegnazione dei bidoncini dedicati?
La possibilità e anche l’obbligo di partecipare correttamente alla raccolta differenziata nell’immediato. Nel lungo periodo la rintracciabilità dell’utente assegnatario dei contenitori per la raccolta del rifiuto indifferenziato, potrà portare, in futuro, all’attivazione di un sistema di contabilizzazione del costo sulla base della quantità di rifiuti prodotti dai cittadini e dalle attività.
5. Dove devono essere custoditi i bidoncini carrellati?
Nelle pertinenze private degli edifici (cortili, piani, androni, nicchie e rientranze, ecc.), secondo quanto previsto dall’ordinanza del sindaco.
6. Quali responsabilità per danni sono collegate alla custodia dei contenitori per la raccolta differenziata domiciliare?
I contenitori sono affidati in comodato d’uso e pertanto valgono le norme vigenti in materia (artt. 1803 e ss, cod.civ.)
7. Se i contenitori si deteriorano per effetto dell’uso, il cittadino può essere chiamato a corrispondere risarcimenti o indennizzi?
No.
8. Se i contenitori vengono persi o sottratti da ignoti?
Il cittadino deve sporgere regolare denuncia presso le autorità competenti (Polizia, Carabinieri) e comunicarla all’azienda di servizio, la quale provvederà alla consegna di un nuovo contenitore.
9. E se ho problemi, a chi posso rivolgermi?
Maggiori informazioni potranno essere richieste alla società ambi.en.te SpA tel. 06.79328995 dalle ore 15.00 alle 17.00 (da lunedi a venerdi) oppure all’Ufficio Ambiente del Comune di Palestrina tel. 06.95302202 - lunedi, mercoledi e venerdi dalle ore 9.00 alle 13.00 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
10. Il ritiro del Kit, dei bidoncini carrellati è gratuito?
Sì.
11. Perché devo firmare i moduli che mi vengono presentati durante la consegna dei materiali?
Per dare traccia dell’avvenuta consegna dei contenitori.
12. Non ero in casa quando hanno consegnato le dotazioni nella mia via o nel mio condominio.
Cosa devo fare?
I bidoncini saranno consegnati a tutte le famiglie. Coloro che non erano in casa al momento della consegna hanno ricevuto un avviso con l'indicazione del luogo e degli orari per il ritiro dei kit. La fornitura dei bidoncini è gratuita. Ci si può rivolgere alla società ambi.en.te SpA tel. 06.79328995 dalle ore 15.00 alle 17.00 (da lunedi a venerdi) oppure all’Ufficio Ambiente del Comune di Palestrina tel. 06.95302202 - lunedi, mercoledi e venerdi dalle ore 9.00 alle 13.00 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
13. Posso ritirarlo per mia sorella/amica che abita sotto?
No.
14. Posso ritirarlo per mio zio che abita nell’altra via?
No.
15. Ho cambiato residenza da poco. Dove posso registrarmi e ritirare la dotazione?
Ci si può rivolgere
16. Posso rifiutarmi di fare la raccolta differenziata porta a porta?
La raccolta differenziata è un obbligo di legge sia in base alle Leggi nazionali che in base al Regolamento comunale. Quest’ultimo prevede anche delle sanzioni per chi non collabora.
17. Si pagherà di più?
Il sistema di raccolta porta a porta è l’unico che permette di contenere gli inevitabili aumenti del costo di smaltimento in discarica dei rifiuti indifferenziati. Tali aumenti sono dovuti all’applicazione della normativa europea che impone di trattare in impianti specializzati il rifiuto indifferenziato prima di portarlo in discarica: questo serve per limitare l’impatto ambientale della discarica. Di conseguenza, poiché con la raccolta differenziata porta a porta il rifiuto indifferenziato si riduce notevolmente, anche i costi di smaltimento si riducono.
Ovviamente nel porta a porta aumentano i costi di raccolta, ma l’effetto predominante è il contenimento dei costi generali. Quando poi il Comune dovesse decidere, una volta che il metodo porta a porta fosse largamente diffuso sulla città, di applicare sistemi di contabilizzazione del costo, basati sulla quantità di rifiuti (indifferenziati) prodotti dalle utenze, sarà possibile apprezzare in modo più evidente i benefici economici di questo modello.
18. Non sarebbe meglio aumentarne il numero delle campane stradali?
No. Il problema non è il numero delle campane stradali (che comunque occupano spazio e producono degrado), ma il risultato del modello di raccolta stradale. Le migliori esperienze di raccolta stradale arrivano circa al 35% di RD. Questi risultati non sono compatibili con gli obiettivi di RD imposti dalla Legge italiana, per la quale la RD è un obbligo e con il Piano Rifiuti della Regione Lazio. Il modello porta a porta, invece, laddove è stato applicato con adeguata metodologia di progettazione, ha prodotto risultati che hanno sempre superato almeno il 50% di RD fin da subito.
19. I cassonetti stradali che fine fanno?
I cassonetti vengono rimossi.
20. Chi espone i bidoncini carrellati sul piano stradale?
Ci sono due possibilità: i contenitori possono essere esposti a cura del condominio; in alternativa i contenitori possono essere ritirati dall’operatore dell’azienda di servizio alla quale il condominio s’impegna a garantire accesso alla pertinenza condominiale.
21. Ci saranno cattivi odori in cortile?
L’unica frazione problematica da questo punto di vista è quella dell’organico. Se i rifiuti sono conferiti correttamente, seguendo le modalità di consegna e i calendari di raccolta fissati, non vi è rischio di cattivi odori. Infatti la frequenza di raccolta della frazione organica è stata studiata anche in base alle caratteristiche meteo-climatiche del luogo.
22. Laddove presenti, le chiavi delle serrature dei locali immondizie possono essere consegnate agli addetti?
Laddove necessario, l’azienda di servizio si adopererà in modo tale che questa tipologia di locale sia dotata di un tipo di serratura universale apribile con un’unica chiave.
23. Cosa fare nel caso in cui un turno di ritiro dei bidoncini salti?
Segnalarlo immediatamente alla società ambi.en.te SpA tel. 06.79328995 dalle ore 15.00 alle 17.00 (da lunedi a venerdi) oppure all’Ufficio Ambiente del Comune di Palestrina tel. 06.95302202 - lunedi, mercoledi e venerdi dalle ore 9.00 alle 13.00 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
24. Ci saranno le multe per chi non fa bene la raccolta?
Le multe sono previste dal Regolamento Comunale.
25. Devo pagare o dare la mancia?
Assolutamente no! Infatti nessuno è autorizzato a richiedere somme di denaro a domicilio. Se ciò avviene si tratta di un tentativo di truffa, avvisa immediatamente Vigili Urbani,Polizia, Carabinieri.
26. Cosa bisogna fare se si rompe la pattumiera sottolavello, il mastello o i bidoncini carrellati?
Segnalarlo immediatamente l’azienda provvederà alla consegna della nuova attrezzatura condominiale, per le bio pattumiere il ritiro concordato con l’azienda di servizio potrà avvenire presso l’ECOCENTRO COMUNALE in Via Pedemontana (vicino al campo sportivo) dal lunedi al sabato dalle ore 8.00 alle 13.00. È richiesta carta identità.
27. Come si usano i sacchi biodegradabili che mi avete consegnato?
Inserire il sacchetto in materiale biodegradabile fornito in dotazione nella bio-pattumiera sottolavello. I rifiuti organici, ben sgocciolati, vanno depositati nel sacchetto.
Nel caso di intervallo di tempo troppo lungo tra uno svuotamento e l’altro – e solo in quel caso – in via eccezionale alcune tipologie di rifiuto organico (come ad esempio gli avanzi di pesce), possono essere conferite nell’indifferenziato, se il ritiro di questo risulta più ravvicinato nel calendario.
28. Rischio, quindi, di riempirmi la casa di immondizia?
Il servizio è organizzato in modo tale che ogni utente abbia il materiale necessario alle sue esigenze, e che contenga quindi in linea di massima il rifiuto prodotto tra un conferimento e l'altro. È compito dei tecnici che effettuano i sopralluoghi in tutte le utenze commerciali e condominiali, analizzare e segnare le esigenze di ogni singolo caso.
29. Devo usare tutti i giorni i sacchi biodegradabili e la pattumiera sottolavello?
No. Il sacco biodegradabile va cambiato di norma solo quando è pieno.
30. Posso usare il sacco di plastica per gettare gli scarti della cucina nella pattumiera?
No. Il sacco di plastica del supermercato o qualsiasi altro sacchetto di plastica non sono utilizzabili in quanto il Dlgs n. 4 del 1601/2008 prevede che “la frazione umida è raccolta separatamente o con contenitori a svuotamento riutilizzabili o con sacchetti biodegradabili certificati”.
31. Dove devo gettare le potature delle piante d’appartamento e del balcone?
Se in grande quantità, sfalci e potature possono essere trattati come ingombranti, e portati gratuitamente all’ECOCENTRO COMUNALE in Via Pedemontana (vicino al campo sportivo) dal lunedi al sabato dalle ore 8.00 alle 13.00. È richiesta carta identità; oppure con ritiro a domicilio prenotando al numero 06.79328995 dalle ore 15.00 alle 17.00 (da lunedì a venerdì).
32. Ho un piccolo giardino: come posso smaltire gli sfalci e le potature?
Se in grande quantità, sfalci e potature possono essere trattati come ingombranti, e portati gratuitamente all’ECOCENTRO COMUNALE in Via Pedemontana (vicino al campo sportivo) dal lunedi al sabato dalle ore 8.00 alle 13.00. È richiesta carta identità; oppure con ritiro a domicilio prenotando al numero 06.79328995 dalle ore 15.00 alle 17.00 (da lunedì a venerdì).
La presenza di un piccolo giardino permette di gestire piccole quantità di sfalci e potature insieme ai residui di cucina attraverso il cosiddetto “compostaggio domestico”. Le compostiere,appena disponibili, saranno distribuite in comodato d’uso gratuito, fino ad esaurimento, ai cittadini che ne faranno richiesta presso all’Ufficio Ambiente del Comune di Palestrina tel. 06.95302202 - lunedi, mercoledi e venerdi dalle ore 9.00 alle 13.00 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
33. Cosa devo fare per gettare via i rifiuti ingombranti (es. mobili ed elettrodomestici)?
Vanno portati all’ECOCENTRO COMUNALE in Via Pedemontana (vicino al campo sportivo) dal lunedi al sabato dalle ore 8.00 alle 13.00. È richiesta carta identità.
34. Cosa succede se nel giorno previsto per la raccolta, non sono in casa?
Se il contenitore non viene esposto non viene ritirato e salta al turno successivo previsto in calendario. Se invece il condominio ha scelto che i contenitori debbano essere ritirati dall’operatore dell’azienda di servizio non succede nulla.
35. Cosa succede se non sono in casa nell’orario stabilito per la raccolta?
Se il contenitore non viene esposto non viene ritirato e salta al turno successivo previsto in calendario. Se invece il condominio ha scelto che i contenitori debbano essere ritirati dall’operatore dell’azienda di servizio non succede nulla.
36. Cosa succede se sbaglio giorno nell’esposizione del sacco o del bidone?
Nel periodo iniziale (alcune settimane) è previsto un richiamo attraverso l’apposizione sul contenitore di una cartolina di colore giallo che segnala questo tipo di errore. Successivamente l’utente potrà essere soggetto alle sanzioni previste nel regolamento comunale.
37. I cassonetti stradali saranno quindi rimossi da un giorno all'altro?
Tutte le utenze saranno preventivamente informate tramite un avviso apposto sui cassonetti che comunicherà la data della rimozione degli stessi; nel momento in cui saranno tolti i contenitori, tutte le utenze saranno comunque già dotate del materiale necessario per il conferimento porta a porta.
38. Cosa succede in caso di errato conferimento (inserimento di materiali sbagliati)?
Nel periodo iniziale (alcune settimane) è previsto un richiamo attraverso l’apposizione sul contenitore di una cartolina di colore giallo o rosso, a seconda della gravità dell’errore.
Successivamente l’utente potrà essere soggetto alle sanzioni previste nel regolamento comunale.
39. Posso buttare via tutto con questo nuovo servizio?
No. È possibile conferire solo i materiali indicati nel Manuale per utenze domestiche.
40. Dove vanno gettati i piatti, bicchieri e posate di plastica?
Non trattandosi di imballaggi vanno posti nell’indifferenziato. Solo quelle di plastica ricavata dal mais con il marchio di biodegradabilità possono andare nei rifiuti organici. Meglio però utilizzare le stoviglie lavabili.
41. Dove vanno gettati gli oggetti di plastica che non sono imballaggi?
Gli oggetti in plastica che non sono imballaggi NON vanno nel sacco giallo ma in quello grigio per indifferenziati.
42. E’ necessario lavare i contenitori di plastica e metallo prima di inserirli nel sacco?
È bene sciacquare i contenitori prima di inserirli nel sacco. Infatti i residui di cibo potrebbero iniziare a decomporsi generando odori sgradevoli. Non è necessario un lavaggio approfondito con sapone. Si può ad esempio riutilizzare l’acqua di lavaggio dei piatti, senza sprecare acqua potabile.
43. Devo staccare le etichette dai contenitori?
Non occorre. La maggior parte degli impianti di riciclaggio lo fanno automaticamente.
44. Come evitare che gli animali randagi danneggino sacchi durante il periodo di esposizione?
L’impiego dei sacchi per gli imballaggi in plastica non attirano gli animali.
45. Dove vanno messi tovaglioli di carta e carta assorbente da cucina?
Nel contenitore dell’organico. La carta è costituita soprattutto da cellulosa, molto importante per la fase di compostaggio. Un impianto di compostaggio in genere lavora con 2/3 di frazione organica e 1/3 di frazione legnosa (detta anche strutturante). La carta (e il cartone) sono ottimi strutturanti.
46. Ho un bambino piccolo e non è possibile tenere in casa i pannolini per giorni. Come posso fare?
Per ovviare al problema di pannolini per bambini e pannoloni per anziani si consiglia di inserire il pannolino in una busta di plastica da smaltire attraverso il sacco grigio (indifferenziato).
47. Facevo già la raccolta differenziata e non avevo problemi. Perché siamo stati obbligati a passare a questo nuovo sistema?
Con la raccolta differenziata di tipo stradale la percentuale di rifiuto differenziato non saliva oltre il 25/27%. Si è già visto in molti comuni che, passando alla raccolta differenziata “porta a porta”, si superano in poco tempo le percentuali del 55/60 %. Inoltre, con la raccolta “porta a porta” è possibile separare la frazione organica del rifiuto (umido), che da sola compone circa il 30 % dei rifiuti domestici. Separando l'organico dal resto dei rifiuti si evita di mandare in discarica un materiale che, opportunamente trattato negli impianti di compostaggio, produce un fertilizzante naturale. Con questa nuova modalità di raccolta, che è più comoda perché evita di doversi recare con i sacchetti colmi di rifiuti a cercare la campana o il cassonetto più vicini, ogni cittadino sarà “responsabile” del rifiuto che produce. Tale sistema inoltre ci consentirà di passare dalla tassa alla tariffa, premiando i cittadini che produrranno meno rifiuti indifferenziati.
48. E' vero che devo lavare le lattine del pomodoro?
I contenitori in metallo vanno sciacquati velocemente con un po' d'acqua per evitare che residui di cibo o altri materiali possano creare problemi igienici. Non occorre un lavaggio accurato! Ricordiamo, a tale proposito, che le bottiglie in plastica (ad es. quelle dell'acqua) vanno schiacciate per ridurne il volume.
49. E' possibile aumentare la frequenza per il ritiro dei rifiuti?
Separando tutti i rifiuti diminuisce nettamente la quantità di rifiuto non riciclabile, sacco grigio e le frequenze previste dovrebbero essere idonee anche per situazioni più complesse.
50. Dove vanno le lampadine?
Quelle normali vanno nel sacco grigio, mentre i neon e quelle a basso consumo all’ECOCENTRO COMUNALE in Via Pedemontana (vicino al campo sportivo) dal lunedi al sabato dalle ore 8.00 alle 13.00. È richiesta carta identità.

 

 

pastedimage

 

escuolapa


assessoratopianificazionedel-territorio


Comune di Palestrina

Comune di Palestrina
Palazzo Verzetti, Via del Tempio, 1
00036 Palestrina (Roma)
Tel. 06/953021 Fax 06/95302241
info@comune.palestrina.rm.it
protocollo@comune.palestrina.legalmail.it
P. IVA 03577071008
CF 01319240584